A te che sei antijuventino, io dedico questa lettera.

A te che sei romanista, che hai vinto, come ogni anno lo scudetto d’agosto. Che ad ottobre hai gridato allo scandalo, che grazie anche al giornaletto locale, hai definito falsato il campionato già alla sesta giornata. A te che hai festeggiato la vittoria di un derby come fosse una Champions League (perchè nella vera competizione finisci sempre col prendere scoppole memorabili condite da gol a grappoli per gli avversari). Che hai mostrato il tuo solito stile, coi portatori sani identificati nel “cappetano” e in “capitan futuro”, con magliette a detta vostra goliardiche e diti medi alzati verso i tifosi avversari. Non hai mai saputo perdere e non imparerai mai a vincere. Continua così, te ne saremo grati.

A te che sei napoletano, anche tu con scudetto vinto in piena estate, salvo poi ritrovarti a distanze siderali già a Natale. A te che hai festeggiato una Supercoppa pre festiva come fosse un mondiale, con caroselli e insulti vari, mentre NOI assistevamo alla vostra premiazione, complimentandoci e stringendovi la mano. Salvo poi vederti piangere due settimane dopo in campionato, per un presunto fuorigioco che a detta tua non ti ha permesso di vincere. A te che pochi giorni fa sei venuto allo Stadium con l’obiettivo di vincere, schierando la prima squadra, mentre noi schieravamo le riserve….e ti abbiamo battuto lo stesso, mentre il tuo Britos si limitava a sferrare testate alla “Zizou”. Anche voi, per favore, non cambiate mai, continuate a sentirvi vittime di un sistema che ce l’ha con voi.
Ah….giusto per precisare, tu che ti vanti di odiarci cosi tanto, sappi che il sentimento è pienamente ricambiato.

A te che sei viola, che indossi magliette col numero 39, in riferimento agli angeli caduti 30 anni fa in Belgio. Che hai vinto allo Stadium, una partita di andata di Coppa Italia, che hai festeggiato, dimenticandoti che c’era ancora una gara di ritorno. E anche lì, con le seconde linee, ti abbiamo fatto il sedere a strisce in soli 60 minuti e ti abbiamo distrutto il sogno di una finale Bis. Cerca di convicerti di una cosa….quando giochi contro la Juve fai la partita della vita, mentre per noi sei solo una provinciale alla quale togliere 3 punti.

A te che sei del Toro, che urli “Torino è granata”, dopo che hai vinto un derby a distanza di 20 anni. Che hai fatto caroselli per le strade della città Sabauda, salvo poi fare 4 punti nelle successive 5 gare. Sappi che se mantieni la media, dovrai fare scorta di maloox per gli anni a venire, sennò il fegato ti esplode prima.

A te che sei prescritto. Che ti devo dire? Sei ormai sul baratro, sportivo ed economico, affidato ad un fasullo magnate indonesiano che ti ha preso per i fondelli, illudendoti di riportarti in vetta sia in Italia che in Europa.
Che a distanza di 5 anni parli ancora di triplete, ignorando che proprio quell’annata è stata la tua rovina. E che oggi stai pregando affinché il 6 giugno non accada l’irreparabile. A te che finita la scia di farsopoli, sei tornato al posto che hai sempre occupato, ovvero nel nulla. A te che pochi giorni fa ci hai ospitato in casa tua, convinto di vincere contro le nostre riserve….ed esattamente come i vesuviani, le hai buscate. Convinciti di due cose, raramente sei stato un avversario…oggi sei solo una perdita di tempo. Magari l’anno prossimo se schieriamo i pulcini, un punto riesci a farlo.

A te che sei milanista e nel 2006 sei stato salvato dal tuo padrone potente, che sei al collasso finanziario e rischi il fallimento. A te che quando giochi contro di noi, ti difendi più di Chievo e Cesena. A te che hai nello staff dirigenziale un Geometra che probabilmente ha ottenuto quel diploma alla scuola serale, al quale un incallito romanista come Caressa ha dovuto spiegare cos’è una prospettiva. A te che oggettivamente sei stato un degno rivale del passato…un passato che non tornerà più. A te auguro ancora i Montolivo e i Menez…..augurio peggiore non c’è.

E adesso, a te che sei antijuventino, che incarni i personaggi di cui sopra, a te che quest’anno ci hai visto vincere Scudetto e Coppa Italia. A te che hai sperato di vederci fallire in Europa, che hai tifato a turno Olimpiakos e Atletico Madrid, Dortmund e Monaco, che hai sperato in CR7. Tu, oggi, sei costretto a tifare per la squadra più forte del mondo, affinché ci batta in finale così da poter finalmente festeggiare qualcosa e definire fallimentare la nostra stagione. A te, io auguro decenni così.

Noi siamo Juventini, voi siete tutto il resto!

fotodileo-stellebianconere

Post correlati

Lascia una risposta

1 Commento Su "A te che sei antijuventino"

Opzioni di notifica:
avatar
Ordina per:   Più recente | Più vecchio | Più votato
Roberto Macchi
Guest

Gran bel pezzo, Giacomo. Li hai sistemati tutti in un sol boccone, bravo!

wpDiscuz