Partita di andata delle semifinali di Coppa Italia. Allo Stadium arriva il Napoli disastrato e reduce dalla sconfitta casalinga contro l’Atalanta.

Inspiegabile il ritorno alla difesa a 3, con la BBC che si rivede dall’inizio dopo l’ultima uscita (e sconfitta) di Firenze.

Risultato è una manovra lenta che lascia campo al Napoli che la sblocca con un gol di Callejon, in fuorigioco evidente non rilevato dall’assistente del sig. Valeri. Nonostante questo, la Juve crea due buone palle gol, prima con Higuain e poi con Mandzukic. Nel mezzo un bel rigore netto su Dybala che viene spinto prima di calciare ad un passo da Reina.

Secondo tempo e tutta un’altra musica. Entra Cuadrado per Lichsteiner e si torna al 4-2-3-1. Il Napoli non ci capisce più nulla. Passa solo un minuto e Koulibaly da un pestone a Dybala in area. Rigore netto che la Joya trasforma. Napoli che ora non riesce a far altro che uno sterile possesso palla. La Juve invece va in verticale e crea parecchi grattacapi ai partenopei. Minuto 64. Cross di Cuadrado e uscita a vuoto di Reina. Palla ad Higuain che da posizione defilata infila la porta. Vantaggio Juve. Passano cinque minuti e c’è un corner per il Napoli. Sugli sviluppi Albiol si tuffa in maniera grottesca tra Bonucci e Pjanic. Valeri fa proseguire ed Higuain lancia Dybala in contropiede, palla al centro per il liberissimo Cuadrado che punta Reina. Il portiere spagnolo tocca prima il pallone, che resta comunque in gioco per il n. 7 bianconero, e poi abbatte lo stesso. Rigore netto, no, nettissimo e solo ammonizione per il n.1 partenopeo. Proteste a go go ed arbitro accerchiato. Dybala resta freddo e realizza il 3-1. Ci sarebbe anche una grande occasione per Khedira che sfiora la quarta rete. Non succede più nulla e la gara si chiude.

Sappiamo già che mentre vi scrivo, giornalisti o pseudo tali, stanno già infangando la nostra vittoria, strameritata e limpida. A questi signori vorrei dire di cambiare sport. Invece no, dovrebbero proprio cambiar mestiere.

Antenne dritte e concentrazione massima anche al ritorno, perché sarà un inferno e loro ci proveranno in tutti i modi.

Le pagelle dei bianconeri:

Neto 6, Lichsteiner 5 (dal 46′ Cuadrado 7), Barzagli 5.5, Bonucci 6, Chiellini 5.5, Asamoah 5.5 (dal 72′ Alex Sandro 6), Khedira 6, Pjanic 6, Manzdukic 7, Dybala 7 (dall’84’ Pjaca s.v.), Higuain 7.

Allegri 6.

Fonte immagine: vongolblog

Post correlati

Lascia una risposta

Commenta per primo!

Opzioni di notifica:
avatar
wpDiscuz