Ora possiamo dirlo ad alta voce: LA JUVENTUS E’ IN FINALE DI CHAMPIONS LEAGUE. Il prossimo 3 Giugno, verosimilmente contenderemo la Coppa dalle grandi orecchie al grande Real Madrid, che domani sera dovrà gestire un 3-0 in casa dei cugini allenati da Simeone.

Dopo il 2-0 della gara di andata, erano davvero altissime le probabilità di vedere i bianconeri passare il turno.

Stessa formazione schierata sei giorni fa nel principato ma Juve che all’inizio parte un po’ contratta e il Monaco crea qualche grattacapo alla retroguardia bianconera. E’ sempre Mbappé l’uomo più pericoloso ma nell’unica vera occasione, colpisce il palo inutilmente, in quanto pescato in posizione di off side. Si fa male Khedira, che dopo soli dieci minuti deve lasciare il posto a Marchisio.

Ora la Juve accelera e son dolori per i monegaschi. I bianconeri creano tre occasioni enormi in cinque minuti, tutte con giocatori soli davanti al portiere Subasic.

Prima Higuain dalla destra tenta un pallonetto che non va a buon fine. Poi Mandzukic servito dal Pipita si fa ribattere la conclusione dal suo connazionale. E infine Pjanic, servito da Dybala, perde un tempo di gioco e si fa ribattere la conclusione da Raggi. Ma il gol è ormai nell’aria. Minuto 33. Buffon da palla ad Alex Sandro, cavalcata sulla fascia, palla gestita da Dybala e poi finisce sui piedi di Dani Alves. Il cross del brasiliano è perfetto per la testa di Mandzukic. Subasic respinge ma Mario ribatte in rete. Delirio allo Stadium. Passano quattro minuto e sempre Mandzukic serve Higuain con un lancio di quaranta metri. Stop e tiro di sinistro e palla ancora parata da Subasic.

Il primo tempo è quasi finito. Corner di Pjanic, Subasic respinge coi pugni e la palla finisce fuori area. Dani Alves al volo di destro e pallone in rete. Stadium a rischio “esplosione”.

Il primo tempo si chiude sul 2-0 e sembra davvero fatta.

Inizia la ripresa e la Juve gestisce senza troppi affanni. Al minuto 54 Allegri sostituisce Dybala con Cuadrado che ha subito una buona occasione ma temporeggia troppo e si fa recuperare. Juve che adesso si distrae un po’ e sugli sviluppi di calcio d’angolo il Monaco trova il gol con Mbappé. Allegri imbufalito ma non si corrono più rischi….tranne Higuain, che viene volontariamente colpito sul ginocchio da quello che non si può certo definire un calciatore, ossia Glik. Non ci sono parole per questo soggetto, che oltre ad aver rischiato volutamente di rompere Gonzalo, ha poi proseguito nel provocare a turno lo stesso Higuain e soprattutto Mandzukic, magari sperando in una loro reazione che potesse portarli a farsi espellere. Per fortuna non accade nulla, Higuain sta bene e nessuno si lascia andare a reazioni spropositate. Dopo l’ultimo cambio che vede Barzagli lasciare il campo a Benatia, l’arbitro olandese Kuipers fischia la fine della gara.

A distanza di soli due anni dalla finale di Berlino, MASSIMILIANO ALLEGRI riporta a Juventus a giocarsi la Champions League. Le finali per noi sono state spesso amare, ma stavolta si ha la consapevolezza che questa squadra, se la potrà giocare fino in fondo.

Forza ragazzi, regalateci un sogno.

Le pagelle dei bianconeri:

Buffon 6. Non deve fare grandi interventi.

Barzagli 7. Un leone contro la gazzella Mbappé (dall’85’ Benatia s.v.).

Bonucci 7,5. Quasi perfetto.

Chiellini 7,5. Come Bonucci.

Alex Sandro 7. All’inizio non viene mai in avanti. Alla prima discesa, la gara si sblocca.

Pjanic 6,5. Per fortuna gioca più veloce rispetto a Montecarlo e la differenza è evidente.

Khedira s.v. (dal 10′ Marchisio 7. Entra subito in partita).

Dani Alves 7,5. Più ci si avvicina all’obiettivo e più lui diventa decisivo. Gran gol che taglia le gambe agli avversari.

Dybala 6,5. Gioca tra le linee e fa male spesso e volentieri. Esce presto per affaticamento (dal 54′ Cuadrado 6. Sufficiente).

Mandzukic 7,5. Oltre a lottare come un gladiatore, segna e sblocca la gara mettendola nei binari giusti.

Higuain 6,5. Stasera non segna ma fa sempre salire la squadra. Si prende uno spavento per un intervento assassino di quello che giocava nel Torino.

Allegri 8. Ci riporta in finale dopo soli due anni. Onestamente non saprei come ringraziarlo, a prescindere da come finirà il 3 giugno.

Fonte immagine: skyscrapercity.com

 

Post correlati

Lascia una risposta

Commenta per primo!

Opzioni di notifica:
avatar
wpDiscuz