Oggi la Rubrica YouWelcome ha il piacere di ospitare Matteo Marchesin noto Youtuber “Il Marchese bianconero” e grande attivista sui social,facendo parte de “Le Perle degli AJ“.

Matteo com’è nata la tua passione per la Juventus?
Mi sono avvicinato alla Juventus grazie a mio padre da sempre tifoso juventino. Tradizione di famiglia da parte di papà. Oltre al fatto che fin da bambino ero innamorato di Buffon, che mi ha permesso di avvicinarmi al calcio e alla Juve nello specifico. Da piccolo ho fatto il portiere proprio grazie a Gigi.

Grande!!! Oltre a Buffon,hai avuto anche passione per altri giocatori della Juventus?
Del Piero ovviamente, soprattutto dal post Calciopoli. Su tutti, Buffon e Del Piero, poi tutti gli altri, tra i tanti sicuramente Trezeguet.

Appunto calciopoli,come l’hai vissuta?
Ho vissuto più il post-Calciopoli che Calciopoli stesso. Nel 2006 seguivo il calcio, ma meno attivamente di adesso. Forse meglio così, a distanza di anni sono riuscito ad informarmi senza lasciarmi influenzare dalla tempesta giudiziaria del tempo. Ricordo gli sfottò da parte degli amici al tempo, ma non ci davo lo stesso peso che ci darei ora. Avevo 14 anni e non avevo ancora un legame così intenso con calcio e la Juve. Per fortuna, direi…gli anni peggiori per un tifoso juventino!

Dal 2011 la Juventus è tornata a dominare in italia,e con Allegri ha cominciato a rifarsi strada in campo internazionale…siamo ormai fra le migliori 8 squadre d’Europa,quest’anno sarà la volta buona?Secondo te,Allegri cos’ha più di Conte e Conte più di Allegri?
Difficile fare previsioni in Europa. La Juventus ha sicuramente i requisiti per poterla vincere, ha l’esperienza e il livello giusto dei calciatori. Ma i tornei a tappe sono delle incognite. Posso solo sperare di vincerla entro il 2018, per vedere Buffon alzare il suo ultimo trofeo con noi. Con il Barcellona quasi fuori, però…chissà.
Allegri più di Conte ha grande esperienza tattica e capacità di modificare il gioco a seconda delle occasioni. Oltre ad un innato fiuto per i giovani e il loro sviluppo, basti pensare ai Dybala, Rugani, ed El Shaarawy al Milan.
Conte dalla sua ha il carattere, che ha trasmesso alla squadra nel 2011 ad una squadra sulla carta forte ma non fortissima.

Quale è la tua opinione sulla decisione presa dalla società,nel trasformare il marchio Juventus, in un logo commerciale?
A primo impatto ero scettico, per l’aspetto strettamente estetico. Tempo due minuti e avevo capito quanto di geniale ci fosse in tutto ciò. Non è facile da capire, ma il futuro è chiaro. Il marchio Juve sarà accostato ai grandi brand, Nike, Adidas e via dicendo. Minimal, essenziale, riconoscibile. La Juventus non è un club di calcio, è qualcosa di più.

Matteo “il marchese Bianconero”,noto Youtuber e grande attività sui social,facendo parte de “le Perle degli AJ”. Com’è nato tutto questo?
Il canale YouTube del Marchese è nato prima, un po’ prendendo spunto dai miei colleghi presenti, come Kinoshi e Gabbo. Le Perle è un’idea di qualche settimana dopo, periodo in cui (parliamo di inizio 2015) iniziavano ad emergere pagine antijuventine di tutti i tipi. Ad onor del vero, inizialmente ci chiamavamo Le Perle di “Juve Merda”, in contrapposizione alla nota pagina antijuventina. È nato un po’ tutto per caso, zero ambizioni. Per fortuna qualcosa siamo riusciti a fare…

Certo che trattare e vedere con occhi propri in primo piano tutti i malati di fegato del resto d’Italia è uno spasso eh? Dicci allora Matteo,quale tifoseria rosica di più?
È uno spasso fino a quando non si superano i limiti di civiltà. Diciamo che vanno a ruota, in base a chi si avvicina di più alla nostra posizione. In questo momento tifosi romanisti e napoletani, quando torneranno le milanesi beh, hai capito la risposta…

Certamente,ma come hai fatto notare tu,c’è un limite sottilissimo dallo sfottò alle, ingiurie provocazioni e offese… Ma si sta poi così male ad essere dall’altra parte, cioè ad essere un antijuventino?
Sicuramente si. La disabitudine a vincere non fa di certo bene. Quando si vince poco importa di quello che fanno gli altri…

Un noto giornalista di parte e sai di chi parliamo, dice: ” Essere antijuventino è come esser parte del giusto,del calcio pulito,che vogliamo che vedino e imparino i nostri figli “. Cosa vogliamo rispondere a ciò?
Io gli direi che di lavori è pieno il mondo, e quello del giornalista forse non fa al caso suo!

Come abbiamo visto in settimana molti personaggi, di una società di calcio in particolare, dovrebbero cambiare mestiere. È una strategia mediatica per distogliere i loro tifosi dal fatto,che non sono ancora in grado di competere a certi livelli,o si tratta di pressioni in vista delle due partite che la Juve dovrebbe affrontare lì da “loro” ?
Quando si parla degli altri è sempre per distogliere l’attenzione da questioni più importanti. Oltre al fatto che evidentemente queste persone non hanno la mentalità giusta per il livello in cui giocano. La mentalità è sempre il limite di chi non vince!

Grazie a Matteo Marchesin,la redazione di JuWelcome.com è onorata di averti nella sua famiglia.

Vi lasciamo al video saluto di Matteo:

Immagine anteprima YouTube

Post correlati

Lascia una risposta

Commenta per primo!

Opzioni di notifica:
avatar
wpDiscuz