Tutto tace, e Marcello continua a non farsi vedere, né sentire.

Stamani ho sperato di rivederlo su J. Planet, ahimè inutilmente. Questa sera Chirico non c”era nemmeno negli studi di Milano, così come non c’è stato per tutta la settimana. Ho twittato tre volte al petulante Momblano per chiedergli gentilmente spiegazioni, senza educatamente ricevere risposta alcuna. Una non risposta con stile.

Nessuno della redazione gli telefona per farci almeno sentire la sua voce su qualche argomento Bianconero, come in passato già era successo in caso di sua assenza dagli studi.

Lui non risponde, escludo gli sia capitato qualcosa di fisico, si sarebbe saputo, ed un eventuale raffreddore non potrebbe tenerlo così lontano dai suoi fan ed amici, almeno non sui social.

In me inizia ad insinuarsi un sospetto, uno di quelli terribili, legati alla realtà professionale in cui Chirico da più di 10 anni è chiamato stoicamente a rispondere presente, e nella quale è stato talvolta costretto a menar poderosi fendenti per difendersi, non riuscendo peraltro ad evitare qualche sonora sberla ben piazzata e spesso arrivata alle spalle.

Se “non c’è il due senza il tre”, in questo caso potrebbe anche non esserci l’uno senza il due, visto che Marcello Chirico, qualche tempo fa, fu già vittima di un sopruso, essendo stato violentemente ed ingiustamente cacciato in diretta dallo studio televisivo con un pretesto tanto ridicolo quanto grottesco.

Questa volta, mi son detto, è impossibile che possa accadere di nuovo: lo stesso Mega Direttore Dott. Ravezzani l’ha presentato in veste di direttore di J-Planet, convocando una conferenza stampa in pompa magna degna di una investitura papale, alla quale ha partecipato persino il sindaco di Torino. Impossibile quindi, mi son risposto.

Eppure, c’è qualcosa che non mi quaglia.

Troppo lungo il silenzio di Marcello, troppo il fatto che I sostituti conduttori di J Planet proseguino giorno dopo giorno il proprio lavoro senza mai menzionarlo, chiamarlo, reclamarlo, dispensarne informazioni ed aggiornamenti ai suoi numerosi ammiratori.

Qualcosa deve essere successo.

Spero che Chirico mi stia leggendo, e che mi risponda pregandomi pittorescamente di proseguire il mio cammino possibilmente facendomi i cazzi miei.

Starebbe a significare che lui sta bene, e che nulla è cambiato.

Ti prego Marcello, scrivimi e mandami a cagare. E a chi mi leggerà, prego di farmi avere sue notizie, se a sua volta le ha o le avrà.

Grazie per l’attenzione di tutti.

Roberto Macchi

Post correlati

Lascia una risposta

Commenta per primo!

Opzioni di notifica:
avatar
wpDiscuz