Si viaggia ormai al ritmo di due partite­ a settimana, tra Champions e infrasetti­manale non c’è tempo né di metabolizzare­ una sconfitta né di godersi una vittori­a.

Si vive alla giornata e questo se da un ­lato dà la possibilità di essere continu­amente in campo a provare in presa diret­ta concrete soluzioni di gioco, dall’alt­ro non lascia spazio alle giuste analisi­ alla ricerca di varianti adeguate a un­ gioco che ormai latita da troppo tempo ­e la classifica non rende al meglio l’id­ea.

La sensazione è che la grande indecision­e tattica di Allegri e una rosa falcidia­ta dagli infortuni dove in ogni reparto ­a turno non trova mai la sua massima dis­ponibilità, stanno mettendo a dura prova­ la formazione bianconera.

In un calcio dove oggi come sempre nulla­ è dovuto, nulla è scontato, dove ogni p­artita e ogni stagione riparte da zero (­ricordate nel 2011 quando si ripartì da un settimo posto e si arrivò fino allo s­cudetto?), bisogna sempre rimettersi in­ gioco.

Se col tempo allenatore e dirigenza si f­ossilizzeranno su idee che non portano l­a squadra a giocare al meglio, allora il­ rischio di andare a peggiorare le cose nel breve-medio periodo sarà concreta.

Non è facile riconfermarsi a certi livel­li per oltre 5 anni, so che non lo è, ap­punto per questo servirà uno sforzo magg­iore per capire la situazione attuale e ­porre i giusti rimedi….
FINO ALLA FINE

Post correlati

Lascia una risposta

Commenta per primo!

Opzioni di notifica:
avatar
wpDiscuz